Presentazione del volume "Technology and communication for a new humanitarian intervention"

09/10/2007 - Roma. Palazzo Vidoni

Il 9 Ottobre 2007 alle ore 11, presso la sala Caffarelli, Palazzo Vidoni, sede del Ministero per la Riforme e l'Innovazione nella P.A., viene presentato il volume "Technology and communication for a new humanitarian intervention. Experimenting the website Cholera Café", curato da Laura Elena Pacifici e Flavia Riccardo ed edito nella Collana "FTI - Società dell'Informazione e della Comunicazione" dell'editore Franco Angeli.

Sono presenti il Ministro Luigi Nicolais, autore della prefazione al volume, il Professor Matteo Pizzigallo, docente di Storia delle Relazioni Internazionali dell'Università Federico II di Napoli, il Professor Vincenzo Vullo, Direttore del Dipartimento di Malattie Infettive e Tropicali dell'Università "La Sapienza" di Roma e il Direttore Generale FTI Pieraugusto Pozzi.

Il volume appare come un ottimo spunto per analizzare i rapidi cambiamenti che l'applicazione delle tecnologie ICT (Information & Communication Technology) ha anche nel settore della Cooperazione Internazionale e, più specificamente, della Cooperazione Internazionale Sanitaria. In questi ultimi decenni infatti, la tecnologia ICT ha modificato il modo di diffusione e condivisione delle informazioni e gli effetti del cambiamento hanno coinvolto anche il settore della Cooperazione internazionale: dall'intervento umanitario tradizionale si è passati ad un coinvolgimento sempre più attivo di nuovi soggetti locali e Organizzazioni Non Governative.
Allo stesso tempo, l'applicazione delle tecnologie ICT nei progetti di cooperazione sanitaria nei Paesi in via di sviluppo ha consentito anche un incremento del know–how in quei Paesi, nei quali si opera per lo sviluppo economico-sociale e la difesa dei diritti fondamentali di ogni individuo.

"Bridging the humanitarian information gap" è proprio la mission a cui gli autori di questo volume si sono ispirati: le nuove tecnologie sono strumenti che, se correttamente impiegati, possono essere già oggi e in prospettiva fondamentali non solo nel settore della tutela della salute ma anche in quello più ampio e correlato della difesa dei Diritti Umani. Questo tema in particolare è ripreso del Ministro per le Riforme e le Innovazioni nella P.A Luigi Nicolais, che ha ribadito come le tecnologie dell'informazione e della comunicazione siano la chiave per un nuova strategia di Cooperazione internazionale per lo sviluppo di quelle aree ancora oggi gravate da crisi umanitarie.






Rassegna stampa: