Le riforme perdute della PA

29/05/2008 - Roma

Relazioni e materiali documentali dell'evento sono disponibili online sul sito Compubblica.
Programma-invito (pdf).
Giovedì 29 e venerdì 30 maggio, l'Associazione Italiana della Comunicazione Pubblica e Istituzionale organizza a Roma presso la sede della Commissione Europea (Via IV Novembre 149) il convegno "Le Riforme perdute della PA. Strategie e meccanismi attuativi per il cambiamento".
L'Amministrazione pubblica è stata oggetto, soprattutto nel corso degli anni novanta, di numerosi e articolati interventi legislativi ispirati dalla evidente necessità di assicurare più elevati livelli di garanzie sociali e di benessere, in un contesto economico e produttivo sempre più competitivo. Essi hanno riguardato sia il versante dell'efficienza, sia quello dell'efficacia dell'azione amministrativa, con l'obiettivo anche di gravare sempre meno sulle risorse complessive e di assicurare alle imprese maggiori potenzialità competitive: è del tutto evidente, infatti, lo stretto rapporto tra gli andamenti di lungo periodo del ciclo economico e la qualità delle infrastrutture, di cui la pubblica amministrazione è parte integrante e, anzi, fondamento.
La "strutturazione" del procedimento amministrativo, le modalità di gestione delle risorse e la loro rendicontazione, nonché interventi di semplificazione e di comunicazione nei rapporti con i cittadini, insieme a provvedimenti rivolti a promuovere l'innovazione tecnologica, rappresentano alcuni dei principali nodi affrontati dalla azione di riforma. A distanza di anni, tuttavia, i risultati ottenuti in termini di rinnovamento appaiono del tutto inferiori alle attese.
Si impone dunque una riflessione per cercare di capire le cause di questa persistente incapacità dell'Amministrazione di corrispondere pienamente alle esigenze della società e del sistema delle imprese.
Si trattò di riforme sbagliate? O poco coraggiose? O poco ambiziose? Noi pensiamo piuttosto che la bontà del disegno giuridico-istituzionale non sia sufficiente a garantire l'esito positivo delle riforme. Affinché esse non rimangano inapplicate o inefficaci è essenziale che siano precedute e seguite da interventi di accompagnamento sul piano operativo. In altri termini, solo una visione strategica complessiva - capace tra l'altro di prevedere le necessarie iniziative di coordinamento, di riqualificazione professionale e di innovazione di prodotto - consente l'utilizzazione di tutti gli strumenti idonei a superare gli ostacoli e le difficoltà che ogni autentica azione riformatrice incontra.
Il convegno vuole offrire una occasione di discussione su questi temi e tentare di rispondere agli interrogativi che suscita l'impasse nel rinnovamento della P.A. italiana.






Rassegna stampa: