Incontri italo-francesi 2005. (Rencontres franco-italiennes 2005)

28/10/2005 - Venezia, Future Center Telecom Italia

(E,W)3. Etica di Internet
Intervento di Giorgio Pacifici (pdf)
L'Ufficio Culturale dell'Ambasciata di Francia in Italia, in collaborazione con l'Università La Sapienza di Roma, l'Università IUAV di Venezia, Lo Studio nazionale di arte contemporaneo Le Fresnoy ed il progetto RTP-Doc del CNRS, propone nel corso del 2005 tre incontri italo-francesi sul tema dell'etica di Internet. Il secondo (L'estetica della Rete) ed il terzo (Etica del web) incontro hanno luogo a Venezia il 28 e 29 ottobre 2005. Le relazioni fanno il punto sui problemi socio-culturali ed etici relativi all'uso di Internet. Si discute sulle possibili soluzioni tecniche, sociali e giuridiche volte ad accrescere l'affidabilità della comunicazione digitale.

Venerdì 28 ottobre 2005
L'estetica della Rete: quali creazioni? Quali trasgressioni?

Mattina. Produzioni e sovversioni (9.00 – 13.00).
Moderatore Jean-Pierre Balpe (Université Paris VIII)
La natura stessa delle pratiche artistiche in rete rappresenta una sfida al sistema dell'individualità creatrice, del diritto d'autore, della concezione della privacy. Le sue tensioni etiche la spingono a coincidere spesso con operazioni di controinformazione ed attivismo legate al web. Quali scenari sociali rispondono alle pratiche comunicative dell'arte della rete?
Interverranno
Christophe Bruno (plate-forme www.unbehagen.com), iterature.com - le Web comme Texte Global
Grégory Chatonsky (plate-forme www.incident.net), Une fiction sans narration (variables informatiques, variations esthétiques)
Paul Mathias (Collège international de philosophie, Paris), Esthétiques réticulaires et conformisme de la subversion
Giovanni Anceschi (IUAV), La fatica del web e Lorenzo De Tomasi (Creative Commons Italia), Alcuni diritti riservati. La condivisione della conoscenza
Tommaso Tozzi (plate-forme www.hackerart.org), Etica hacker e arte delle rete

Pomeriggio. I limiti di un'economia della trasgressione (14.30 – 18.30). Moderatore Paolo Fabbri (IUAV di Venezia)
Siamo veramente di fronte alla nascita di una nuova estetica della comunicazione? Sino a che punto coinvolgerà le altre forme espressive? Sono davvero i web-artisti i motori di tale cambiamento?
La gratuità e la libertà d'accesso sono spesso elementi chiave di tali forme estetiche, che spesso confliggono con le strutture giuridiche esistenti ed il sistema del mercato capitalistico. Sino a che punto è possibile spingere tali tensioni? Quali sono i poteri delle istituzioni di riassorbire tali pratiche "sovversive"?
Interverranno
Florent Latrive, (Libération), La foi d'auteur, le clergé et les mécréants
Franco Berardi, (plate-forme www.rekombinant.org), Infosfere sensibili
Carlo Grassi (IUAV), I trasmettitori di cultura

Sabato 29 ottobre 2005
Etica del Web: quali responsabilità? Quali azioni?
Sintesi conclusiva. In collaborazione con la rivista «Sens Public»
In collaborazione con la rivista «Sens Public» www.sens-public.org ed il programma «InfoEthique» del CNRS
Il carattere ambivalente degli sviluppi di Internet richiede nuove forme di regolamentazione interna e di governance globale, che vanno precedute da un dibattito etico su larga scala.

Mattina. Protocollo universale e beni comuni (9.00–13.00). Moderatore Jean-Gabriel Ganascia (CNRS, Programme InfoEthique)
L'Etica di Internet è orientata verso lo sviluppo della libertà più ampia e regolata implicitamente sulla base degli standard e delle norme consensuali che mette in pratica. Ma tali norme costruiscono realmente un bene comune? E l'idea di bene comune non presuppone forse un modello economico e giuridico arcaico? In quale senso i beni digitali possono essere comuni? Sullo sfondo di un mercato globalizzato, è possibile un modello giuridico per un'economia della conoscenza non capitalistica?
Interverranno
Jean-Gabriel Gasnascia (LIP6 - Université Pierre et Marie Curie), La bureaucratie est morte. Vive l'électrocratie!
Philippe Aigrain (Sopinspace, Société pour les espaces publics d'information, www.sopinspace.com), Les biens communs informationnels et leur gouvernance
Joëlle Zask (Maître de conférence à l‘Université de Provence, département Philosophie), L'Ethique du Web, un enjeu pour la démocratie
Giorgio Pacifici (Presidente Forum per la Tecnologia dell'Informazione), Una co-regolamentazione fondata su valori condivisi
Alain Giffard (Alphabetville, http://alaingiffard.blogs.com), Désirs, normes, pratiques de l'internet
Vincent Quint (INRIA Rhône-Alpes), L'élaboration collaborative des technologies du Web

Pomeriggio. Quale governance per Internet (14.30–18.30). Moderatore Gérard Wormser (ENS-LSH, revue "Sens Public")
Alla luce della complessità delle scommesse simboliche ed economiche veicolate, Internet rappresenta un importante territorio di riflessione per il pensiero politico contemporaneo. Attualmente, sono in discussione diverse proposte a carattere solidale come, ad esempio, quella del Vertice Mondiale sulla Società dell'Informazione.
Quali rimedi bisogna adottare nei confronti del digital divide? Secondo quali criteri info-etici?
Interverranno
Stefano Trumpy (CNR, Istituto di Informatica e Telematica), Le discussioni sui modelli di Internet governance
Catherine Gabay (MEDEF), « La position du MEDEF sur la gouvernance de l'Internet. « La position des entreprises françaises sur ce sujet d'actualité ».
Richard Delmas (Commission Européenne, secrétariat du Comité des gouvernements de l'ICANN), Internet ou la production d'universaux technologiques
Bernard Benhamou (Maître de conférence pour la Société de l'Information à l'Institut d'Etudes Politiques de Paris), Les enjeux éthiques et politiques de la Gouvernance de l'Internet
Françoise Massi-Folléat (Laboratoire C2SO – ENS), Le projet Vox Internet : construire un réseau de recherche européen sur les enjeux technologiques, économiques, politiques et sociaux de l'Internet
Sébastien Bachollet (ISOC France), Des souris et des hommes - Uomini e topi.

Sintesi finale con Paolo Fabbri, Richard Delmas (Commission européenne) e Alberto Abruzzese
Qual è il nesso tra le forme di autoregolamentazione della rete e la possibilità dello sviluppo di forme di democrazia partecipativa? In che modo le associazioni, le istituzioni ed i poteri politici assumono le richieste di democrazia digitale? Quali forme di governance della rete e attraverso la rete si affermeranno?
Organizzazione
Direzione: Delphine Borione, Consigliere culturale
Progetto a cura di Yannick Maignien
Coordinamento: Aurélie Chêne, Rafaella Pavanello (Venezia)
Marcello Serra (La Sapienza)
http://www.france-italia.it
Ambassade de France en Italie – Service culturel/BCLA
Centre de ressources
Via Giulia, 250 - 00186 Rome (T) : + 39 06 68 89 28 18 (F) : + 39 06 68 80 97 91