Logica, informatica, diritto. Dall'informatica giuridica alle nuove tecniche legislative

Edito da: Franco Angeli 2000

Visualizza copertina
Autori:
Antonio A. Martino
Antonio Chini


In uno scritto autobiografico, Bertrand Russell afferma che il più importante avvenimento del suo sviluppo intellettuale fu il suo incontro al congresso mondiale di filosofia, che si svolse a Parigi nel 1900, con Giuseppe Peano e la sua Scuola. Peano fece capire a Russell che la matematica non era che una forma evoluta della logica. Intorno al 1950 trovò una sua autonomia la logica deontica. Questa rese i concetti normativi più vicini agli strumenti e ai mezzi della moderna logica (matematica). Una nuova linea di sviluppo iniziò quando si avvertì che la logica deontica aveva fruttuose applicazioni nell'informatica giuridica e nello studio dei cosiddetti sistemi esperti e in generale dell'intelligenza artificiale.
Nel corso degli anni, questi sviluppi non hanno mancato di influenzare anche gli studi nelle facoltà giuridiche, di scienze politiche, sociali ed ingegneristiche. In futuro una carriera legale a livello professionale non sarà probabilmente possibile senza un training preliminare sugli elementi logici della scienza informatica e delle tecniche informatiche. Questo volume apre alle dimensioni semantiche e pragmatiche del ragionamento logico e contiene in una forma più facile ed accessibile quel minimo di conoscenza logico-filosof´ca che nel futuro sarà richiesta ad ogni studente di scienza giuridica e scienza informatica. La diffusione di tale conoscenza contribuirà anche ad un avvicinamento tra gli studi umanistici e scientifici. Questo libro, che ha la premessa firmata da Georg Henrik von Wright, uno dei massimi studiosi mondiali di questi temi, è quindi un contributo al più vasto compito educativo di una civilizzazione che continua ad essere modellata dalle forze congiunte di umanesimo, scienza e tecnologia.

Antonio A. Martino è professore di Scienza politica all'Università di Pisa, presidente onorario di Ediforum Italia/FTI e coordinatore della Rete Chasqui, che si occupa di nuove tecnologie per la giustizia nel Programma Alfa dell'Unione Europea. Direttore del manuale del Digesto Argentino.

Antonio Chini, in Magistratura dal 1967, attualmente Presidente di Sezione del Tribunale di Siena. E' professore a contratto all'Università di Siena. autore di studi e pubblicazioni nel settore della logica giuridica.