eGovernance and Public Communication for an inclusive eSociety

Edito da: Franco Angeli 2008

Visualizza copertina
Autori:
Giorgio Pacifici (edited by)
Pieraugusto Pozzi (edited by)
Alessandro Rovinetti (edited by)
Massimiliano Cannata (edited by)
Luigi Nicolais (Ministro Riforme e Innovazione PA)
Margot Wallstroem (EU Commissioner)
Viviane Reding (EU Commissioner)
Eurocities Working Group on eGovernment
Miranda Brugi
Serena Dinelli
Marino Livolsi
Cesare Maioli
Antonio A. Martino and Paola Palmerini
Mario Morcellini
Dionigi Spadaccia
European Commission
IDABC


Questo volume è la Seconda Edizione dell'Osservatorio Europeo su eGovernance e Comunicazione Pubblica realizzato congiuntamente da FTI, Associazione Italiana Comunicazione Pubblica e FEACP. Dal 2006, l'Osservatorio ha lo scopo di promuovere e disseminare conoscenza su progetti ed esperienze di eGovernment, eDemocracy e Comunicazione Pubblica, editando documenti sugli aspetti tecnici, regolamentari e strategici e prendendo origine dai dati e dai rapporti pubblicamente disponibili a livello europeo ed internazionale. La prima parte delinea le principali questioni relative all'eGovernance, sottolineando il ruolo fondamentale che le tecnologie ICT hanno nel definire un nuovo rapporto tra cittadini e istituzioni. La seconda parte descrive l'evoluzione dello scenario europeo di eGovernment e Public Communication, segnalando l'importanza di adottare un approccio integrato che comprenda gli aspetti tecnici e quelli organizzativi. La terza parte contiene informazioni e statistiche relative alle esperienze realizzate nei diversi paesi europei e negli altri paesi avanzati, chiarendo gli aspetti fondamentali dei progetti di eGovernance, quali Interoperabilità, Open Source Software, Electronic Identity Management.
Nella sua introduzione al volume Luigi Nicolais, Ministro per le Riforme e l'Innovazione nella Pubblica Amministrazione, afferma "One of the most important messages of the Report is that ICT should be introduced in order to increase the people participation and inclusion and not to emphasize a technocratic tool to improve the government practices. Because it is possible to obtain full consensus from people only if they are considered as citizens and not only as consumers. And the citizen's support and satisfaction are capable to transform technicalities into participation and information into better democracy."


Allegati:
Contents
Introduction, by Luigi Nicolais


Rassegna stampa: